Achillea millefolium L.                        

                            (Achillea)                                        

 

      

                                         Achillea millefoglie

 

Nome comune : Achillea                                                                                                                    

Famiglia : Asteraceae

Parti utilizzate : parti aeree (fiori,estremità fiorite,raccolte tra giugno e settembre,i fusti)

Attività principali : antispasmodica, amaro-tonica, coleretica, antibatterica, astringente, cicatrizzante, turbe gastro-intestinali,      dismenorrea, ovvero dolori mestruali, esternamente per dolori pelvici facendo dei semicupi, per le ulcere varicose, per le emorroidi, per le ferite,riassorbe i focolai di infezione,con azione batteriostatica.

Descrizione :   Pianta erbacea perenne della famiglia delle Asteraceae, cui appartengono anche il Tarassaco e la Calendula, ha i fiori bianco rosato, ha un sapore piccante, amaro , astringente, cresce spontanea in Europa, Asia occidentale, America del Nord, Australia. E' una pianta comune in molte Regioni Italiane e cresce tra m. 0-2200.E' alta fino a 60 cm,i fiori sono profumati,ermafroditi,Il suo habitat è rappresentato dalle praterie e dai prati. L'impollinazione avviene tramite insetti. Achillea o "pianta di Achille" che,secondo la leggenda,ne avrebbe appreso l'uso,per curare le ferite,dal centauro Chirone.                                                                    

Costituenti principali Achillea                            

1 % di olio essenziale contenente  dal 25 al 40 % di camazulene,β-pinene,cariofillene,α-pinene.

Flavonoidi : apigenina e luteolina,glicosilflavoni (svertisina,vicenina,sciaftosina,isosciaftosina)

Acidi fenolici : acido caffeico e salicilico

Lattoni sesquiterpenici : 2,3 deidrodesacetossimatricina,leucodina,achillicina .....

Composti azotati : achilleina,colina,stachidrina ....

0,35% cumarine

3-4% tannini idrolizzabili

Triterpeni e steroli

USO INTERNO  Achillea
L'Achillea viene utilizzata tradizionalmente come tonico,stomachico e antispasmodico. Nella terapeutica moderna è utilizzata  per il suo contenuto in olio volatile ricco in azulene. I medicamenti ottenuti da questa pianta presentano una spiccata azione antiflogistica e proprietà spasmolitiche. L'azulene dell'Achillea è stato identificato con il camazulene della camomilla e,come tutti gli azuleni,ha dimostrato,in base a prove sperimentali,il potere di ripristinare in tempi rapidi il normale grado di permeabilità dei tessuti,riassorbendo i focolai di infezione. L'azione antiflogistica dell'azulene si manifesta inoltre a carico della mucosa gastrica infiammata dove determina una regressione delle alterazioni morfologiche e la normalizzazione della secrezione dell'acido cloridrico con la conseguente attenuazione dei relativi disturbi. I flavonoidi,dotati di proprietà antiflogistiche,antispasmodiche e vasculoprotettive,vanno a rinforzare,unitamente agli azuleni,le proprietà del fitocomplesso.Gli azuleni inoltre promuovono un'azione batteriostatica.Per questi motivi la pianta risulta essere un efficace tonico delle vie digestive di cui attiva le funzioni secreto motrici,ed è indicata inoltre come antispasmodica nei disturbi gastrici,nella nausea e nella disappetenza.

USO ESTERNO  Achillea
Le proprietà astringenti,decongestionanti e analgesiche della pianta la rendono un topico di reale valore nel trattamento di emorroidi,ragadi anali e del seno. Anche nel trattamento di ferite e ulcere varicose la pianta si rivela efficace,grazie alla presenza dell'azulene,che,oltre ad avere azione antiflogistica e spasmolitica,aiuta la riepitelizzazione del tessuto leso. Nella tradizione popolare la droga è utilizzata come emostatico,in particolare nelle emorroidi sanguinanti. L'olio essenziale,inoltre,calma i dolori reumatici e le nevralgie.

CONTROINDICAZIONI Achillea
a dosi elevate il thujone è tossico, non usare in gravidanza e allattamento, ma alle dosi consigliate è una pianta sicura,
ATTENZIONE, dosi elevate di Achillea possono dare alle urine una colorazione marrone scuro, ma questo non deve destare allarme. Fare anche attenzione alle persone allergiche all'ambrosia che potrebbero sviluppare dermatite allergica. Responsabili sarebbero i lattoni sesquiterpenici,che comunque risultano presenti negli estratti acquosi ma non nell'olio essenziale.

USO ALIMENTARE Achillea
si impiega negli amari e nel vermuth

Forme farmaceutiche e posologia Achillea

INFUSO  Achillea : si prepara con 1.5 gr della pianta per tazza poco prima dell'utilizzo come tranquillante, per la digestione, per alleviare i crampi mestruali.Bere più tazze al giorno.

DECOTTO Achillea : 30-60 grammi per litro (uso esterno)

Polvere : 100-200 mg. per capsula (in associazione)

Succo di pianta fresca : 3 cucchiaini al di

Tintura Madre : 30-40 gocce più volte al di.  La T.M. si prepara a partire dalla pianta intera fresca (titolo alcolico 65°)

 

Formulario Achillea

Obesità e stipsi : Salvia o.         10 gr                                                                                        

                               Betula a.        10 gr                                                                                                                                                                                 

                               Achillea m.     40 gr

                               Spiraea u.      40 gr

Posologia : 5 gr per tazza in infusione.Più tazze al di.

 

Emorroidi : Achillea m.        T.M. 

                    Vitis v.                T.M.

                    Ruscus a.           T.M.                ana parti

Posologia : 40 gocce diluite in acqua 3 volte al di

 

Dispepsia gastrica : Achillea m.                30%

                                    Taraxaci radix           30%

                                    Curcumae                  20%

                                    Menthae p.                 20%

Posologia : infuso al 3% ; una tazza di infuso dopo i pasti principali

 

Curiosità Achillea

Achillea : dal latino achillea (m) "pianta di Achille"che,secondo la leggenda,ne avrebbe appreso l'uso,per curare le ferite,dal centauro Chirone. Millefoglie : per l'aspetto delle sue foglie,tanto frastagliate da sembrare mille ; per la stessa ragione i francesi chiamano l'Achillea "ciglia di Venere".

 

                torna ad  A                                                vai a Fitoterapia

                                                                                                    

                                                    Home | Achillea M. | Adonis V | Atropa B. | Artemisia V. | Aconitum N. | Actaea R. | Arnica M. | Arancia | Apium P. | Angelica | Althaea O. | Allium S. | Aesculus H. | Alfa Alfa | Allium C. | Aloe Vera | Ananas | Apium G.var Dulce | Arctostaphylos | Arctium L. | Artemisia A. | Asparagus O. | Avena S.